“L’epidemia” dei tumori non curati

Nel 2020 in Italia ci sono stati 108.178 decessi in più rispetto all’anno precedente, il 21% di morti in più rispetto alla media degli ultimi 5 anni, il 69% sono dovuti al Covid, mentre il restante 31%, pari a circa 30 mila persone, è costituito da morti legate a patologie diverse dal Covid 19, di malati che non hanno ricevuto un’assistenza adeguata e tempestiva.

Per occuparsi dell’epidemia da Covid 19, le istituzioni politiche e sanitarie hanno creato una vera e propria epidemia di tumori. Il blocco degli esami e delle visite oncologiche, la cancellazione dello screening e il timore dei pazienti di recarsi nelle strutture ospedaliere hanno posto le basi per un’altra emergenza nazionale.

Migliaia di casi di tumori diagnosticabili e trattabili in fase iniziale, verranno scoperti e trattati in fase avanzata, con il rischio di compromettere l’efficacia delle terapie, riducendo le possibilità di guarigione.

Foce, la Federazione di oncologi, ematologi e cardiologi, ha inviato un report al Presidente del Consiglio Mario Draghi, sulla condizione del sistema sanitario dopo un anno di pandemia. Almeno 11 milioni di cittadini affetti da patologie oncologiche e cardiovascolari sono stati costretti a rinunciare ad una presa in carico tempestiva da parte della sanità pubblica.

Nel documento “Stato della gestione delle patologie onco-ematologiche e cardiologiche durante la pandemia da Covid 19 in Italia” i medici lanciano l’allarme riguardo l’incidenza indiretta che sta avendo il Coronavirus sulla Sanità italiana.

La lista di attesa ai ricoveri in crescita e l’elevata percentuale sia delle degenze mediche ordinarie che delle terapie intensive in tutte le Regioni italiane, sono dati considerati preoccupanti.

“L’Italia ha avuto un eccesso di mortalità dovuto a cause non Covid pari al 40% di tutta la mortalità in eccesso con circa 19 mila morti in più nel solo periodo Marzo-Aprile 2020, questo è quanto emerge dal documento della Foce.

Rispetto alle altre nazioni, il sistema sanitario italiano è stato maggiormente stressato, infatti nel Regno Unito l’eccesso di mortalità è del 27% pari a 12400 morti, in Francia arriva al 5,6% con 1429 morti in più, invece la Germania non ha registrato nessun eccesso di mortalità non imputabile al Covid 19.

Questi dati mostrano che in Italia oltre ad esserci un’elevata mortalità dovuta al Covid 19, si riscontra una quota notevole di morti imputabili a cause diverse e ad altre patologie.

A tali dati sconfortanti si aggiunge il tasso di mortalità da Covid in Italia più alto rispetto agli altri Paesi in Europa, raggiungendo il 3,03% tra i contagiati e 177 morti ogni 100000 abitanti. L’Italia occupa la quinta posizione a livello mondiale nella classifica della letalità dopo Messico, Sudafrica, Iran e Perù.

Nel report redatto dalla Federazione Foce, il quale ha evidenziato l’incapacità del Sistema Sanitario Italiano nel gestire la pressione dovuta alla pandemia, non ci sono solo critiche ma anche proposte per riformare la Sanità pubblica attraverso investimenti per il personale medico e i posti letto nelle strutture sanitarie. Inoltre viene suggerito il potenziamento della medicina territoriale.

Dario Tagliamacco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Clicca QUI
X